Shares

Oggi ho fatto una passeggiata nelle colline delle mie zone. Giornata splendida: sole che scaldava il tanto che basta, cielo azzurro. Mentre camminavo mi sono resa conto di essere ormai in autunno perché c’erano già molti ricci a terra con altrettante castagne: alcuni già schiusi, altri più acerbi. Volevo prendere una castagna che era rimasta incastrata in uno di essi e di istinto ho allungato la mano: mi sono punta.

Quando ti pungi la reazione è automatica ti ritrai infastidita da quel piccolo dolore provocato dagli aghi… eppure lì dentro c’è una cosa buonissima, c’è una castagna che aspetta il suo tempo per poter uscire da li.

Mi sono fermata e ho pensato quanto questa esperienza fosse simile alle dinamiche che servono per costruire il personal branding di ognuno di noi e quanto, ancora una volta, era la natura a darmi ispirazione.

  • Dentro di te si nasconde un tesoro prezioso… apriti e dimostralo non fare il riccio!

Come può avvicinarsi qualcuno, come può un cliente un utente poter apprezzare ciò che che sei e potresti valere se ciò che mostri e dimostri è una comunicazione chiusa, che spinge quindi a una contro reazione di chiusura? Non fare il riccio perché altrimenti il tuo cliente farebbe come me: ho tentato di avvicinarmi perché ho intravisto qualcosa di bello, ma quello che mi è successo non mi è piaciuto e mi sono allontanata.

  • L’ago spinge in una direzione, quella esterna, perché deve difendere la castagna. La tua comunicazione com’è?

Fai arrivare solo gli aghi, o permetti di fare scorgere il valore che c’è oltre? Ti lamenti perché stai attuando una strategia di personal branding e ti sembra di non ricevere risultati positivi? Prova a pensare cosa e come stai comunicando. Stai continuando a fare solo il riccio?

personal branding 2

  • La castagna per uscire dal riccio ha bisogno di tempo

Io ho forzato volevo subito andare al cuore, ma la natura non me lo ha permesso: ci vuole tempo. Ci vuole tempo per ogni progetto, il tempo giusto che permette a te che sei riccio di aprirti e far vedere il tuo valore. Il tempo giusto per l’utente o il tuo cliente che saprà apprezzarlo. La costruzione del proprio personal branding richiede tempo. Quanto? Quello corretto: acquistare valore nel tuo mercato di riferimento è un’azione quotidiana che necessita pazienza e perseveranza. La natura vuole il suo tempo per regalarci la castagna… prenditi anche tu il tuo.

  • La castagna è castagna… eppure in quanti modi possiamo cucinarla

Il concetto è semplice: una castagna all’apparenza può sembrare simile a tante altre, anzi lo è. Il sapore, la forma sono identici. Eppure possiamo rendere unico quel frutto farinoso cucinandolo con fantasia e creatività. Il personal branding è questo: tu sei una castagna, una persona che all’apparenza potrebbe sembrare simile a molte altre castagne, ma non è così, ti fai scegliere perchè risulti speciale. Cosa ti rende unico? Il modo in cui ti poni, il mix di persone (gli ingrdienti) con le quali ti incrocerai, quanto riuscirai a comunicare che tu sei la castagna più buona del mondo e più adatta per quella ricetta!

Non credere quindi a chi ti dice quindi che sei una ‘semplice’ castagna: avere alcune cose in comune con altre persone non fa di loro dei tuoi cloni. Tu sei unico e irripetibile devi solo capire quando è il momento di uscire da quel riccio e soprattutto quale splendida castagna vorrai essere.
Io ho già deciso, voglio essere la castagna Rosa 😀

Shares