Shares

La Data Visualization al tempo delle scuole elementari

Quando da piccola andavo alle elementari (sì ok, oggi si chiama Scuola primaria, ma le abbiamo sempre chiamate così!) avevo una maestra che alla fine di ogni problema matematico risolto mi dava un compito a casa: ‘eseguire un disegno pertinente’. Il disegno (pertinente) doveva riassumere e raccontare in maniera visiva, chiara, sintetica e coerente il problema matematico che avevo affrontato: ‘Pierino’ (che conosciamo tutti, vero?) che aveva acquistato due mele e tre pere, che poi ne aveva mangiata due e doveva calcolare quanta frutta gli rimaneva. Rappresentare visivamente dati e situazioni insomma, ma perché (mi chiedevo allora) se avevo già scritto tutto? Che senso poteva avere visualizzare graficamente numeri, dati?

La Data Visualization oggi: il racconto visuale dei tuoi dati

Facendo un salto di 30 anni, mi rendo conto oggi quanto fosse stata lungimirante la mia maestra perché mi stava insegnando, in maniera semplice, il concetto che oggi è alla base di quello che definiamo Data Visualization: i numeri, i dati, se non raccontati visivamente e graficamente rischiano di non essere compresi e di non esplicitare risultati che spesso a una prima analisi ci sembrano invisibili.

‘La Data Visualization è definita come l’esplorazione visuale/interattiva e la relativa rappresentazione grafica di dati di qualunque dimensione (small e big data), natura e origine. Permette, in estrema sintesi, di identificare fenomeni e trend che risultano invisibili ad una prima analisi dei dati’. (SAS)

La Data Visualization può migliorare le performance dei tuoi collaboratori?

La risposta è semplice: le immagini parlano, sono più accattivanti. I dati che sintetizzo in un grafico, che riassumo in modo esteticamente bello e piacevole potranno essere strategicamente condivisi tra i reparti e gli uffici della tua azienda. Se prima, tabelle infinite di excel racchiudevano dati che potevano probabilmente leggere e interpretare solo coloro che avevano compilato quel documento (qualsiasi ufficio fosse), pensa a quale potenza e valore potrebbe avere la condivisione di visual dati.

L’immagine è veloce, ti fa risparmiare tempo (anche cognitivo perché non ti devi concentrare a capire prima com’è organizzata una tabella) e ti fa prendere anche una decisione velocemente. La Data Visualization, aumenta la collaborazione aziendale in direzione di Social organization perchè le persone che ricevono analisi con questa veste estetica, si sentono appagate e non mortificate perché capiscono subito di cosa si sta parlando. Il ROI sicuramente ne gioverà. Se i numeri da esporre sono molti, lavorare in ottica di Data Visualization diventa una necessità perché solo in questo modo ‘il cervello riesce ad elaborare, assorbire ed interpretare contemporaneamente grandi quantità di informazioni’ (SAS).

Quindi la Data Visualization può aiutare anche la tua PMI?

Nelle PMI (dove la ‘M’ sta per Micro e non solo per Medie Imprese) spesso i big data, i CRM sono un ammasso di dati poco sfruttati e che, al contrario, potrebbero restituire molte informazione strategiche. Pensa alla tua realtà. Non serve essere una grande azienda perché anche la più piccola ha dati e numeri da analizzare e grazie ai quali poter migliorare. La Data Visualization permette alla tua PMI di:

  • essere veloce nel percepire trend del tuo settore
  • conoscere dinamiche di mercato come mai prima
  • approfondire le esigenze dei clienti, capire meglio come si muovono per agire in maniera efficace
  • ti permette di ‘essere sul pezzo’ perché se percepisci i trend del settore, lo sarai altrettanto nel prendere decisioni.

Il dato certo è come un amico, ci parla. La Data Visualization lo fa cantare come un usignolo

Il dato certo (che sta alla base di ogni analisi), va visto come un amico, di quelli che parlano, parlano parlano… ripetono con tono di voce identico lo stesso concetto e alla fine fatichi a capirlo o a seguirlo perché, diciamo la verità, è noiosissimo! Il dato certo però è comunque un amico, di quelli a cui vuoi bene: un ‘amico di sempre’, nonostante la sua monotonia cronica. Che fare? Aiutalo! Prova a regalargli un vestitino colorato e personalizzato, fagli incontrare altri dati certi con cui fare amicizia e vedrai che la monotonia scomparirà. La cosa più interessante è che tu stesso capirai che quell’amico, infondo, non era poi così noioso, aveva solo bisogno di essere cool per raccontarti cose meravigliose su di se. Se il dato certo era un amico che parlava di cose noiose, la Data Visualization lo avrà trasformato in un’usignolo canterino: lui ti racconterà fatti strepitosi su di se che tu non avresti mai immaginato, e sarà splendido poterlo ascoltare.

Ebook gratuito sulla Data Visualization

Ho scovato online un Ebook che approfondisce questi concetti. È della società SAS, specializzata nel proporre soluzioni ad hoc per la Visual Analytics.
È gratuito e te lo consiglio. Puoi scaricarlo seguendo questo link (… ma poi dimmi che ne pensi, ok?).

photo credit: da mad pixelist via photopin cc

Shares