Shares

La mentalità vecchio stampo è il modo in cui definisco il pensiero di manager, titolari di aziende (piccole e micro) e dipendenti che continuano in modo ostinato a ripetere frasi che oggi più che mai sembrano senza senso perchè provocano solo un effetto: l’immobilità autodistruttiva nelle PMI. Qualche esempio? ‘perché cambiare? Perché me lo dici tu?’ o ancora ‘…è 30 anni che nella mi azienda ho sempre fatto così…’ e aggiungo ‘…bè alla fine se tutti sono in crisi è normale che abbia colpito anche noi… d’altronde…ormai…’. Ecco, quando sento frasi del genere, con tono remissivo e arrendevole mi viene solo in mente un’immagine: ti ricordi il film di Aldo Giovanni e Giacomo in cui Aldo tirava una testata alla sua fidanzata per uscire da una situazione imbarazzante? No, non prendermi per violenta, non lo sono affatto e non ho mai usato questa tecnica con nessun cliente, ma credimi se ti dico che a volte una reazione così estrema pare essere l’unico modo per poter dare una svegliata da quel torpore che sembra aver avvolto molte persone e aziende. Cerchiamo di reagire e prendiamo quello che di buono la crisi ci sta insegnando: sì perché anche in uno stato di crisi (che non dimentico che esiste) ci sono ottime opportunità e tu, caro imprenditore o manager, devi imparare a coglierle. Come fare? Svegliati, reagisci e inizia ad abbracciare i concetti di cultura digitale!

[Tweet “anche in uno stato di crisi ci sono ottime opportunità, coglile! #CulturaDigitale @rosagiuffre”]

Da oggi online ‘ritorno al futurosemplice’: mini-video di cultura digitale per la tua PMI

Oggi ti parlerò proprio di questo, di mentalità e immobilismo, ma lo farò attraverso un nuovo strumento, dei mini-video, una serie che ho chiamato ‘ritono al futurosemplice’ perché è proprio il caso di smetterla di pensala in modo complicato!
È la prima puntata, non sono un videomaker e pur avendoci messo impegno, lo vedrai, qualche imperfezione c’è, ma per fortuna si può sempre migliorare. Diciamo che per questa volta e in nome dell’assoluta spontaneità ho voluto tenere ‘buona la prima’.

Grazie a quella splendida persona di Stefano Forzoni, in arte Sten (che invece è un professionista videomaker e si metterà le mani nei capelli) per avermi elaborato una sigla stupenda!
Sì, da oggi anche io ho una sigla e la cosa è meravigliosamente assurda!
Sciur Bianchi, ora sei circondato: o leggi, o guardi o ascolti… ma quella testa, grazie alla cultura digitale, LA DEVI CAMBIARE!

Shares