Shares

Il testamento digitale riassume le tue personali indicazioni date a persone fidate che potranno gestire i tuoi account dal momento in cui gli stessi saranno inattivi per un tempo definito: sì quindi anche nel caso un giorno non dovessi esserci più.

Diciamo chiaramente, pensare al giorno in cui non ci saremo più non è un tema simpatico: allontaniamo da noi questo argomento disinteressandoci totalmente di quello succederà: è normale, comune, eppure se ci pensi bene non è un atteggiamento corretto. La tua vita oggi è fatta di cose tangibili che vivi e usi nella realtà quotidiana, ma è anche composta dal tuo essere e vivere digitale. Dati personali e accessi a piattaforme, foto, informazioni, testi, post, elenchi e contatti, email rappresentano la tua eredità digitale e, come tale, deve essere tutelata da un testamento digitale per evitare che rimangano in balia di chissà chi e in un limbo inaccessibile.
Pensaci bene: non solo per i tuoi familiari o amici che vorrebbero magari accedere ai tuoi account per chiuderli o salvare un archivio per poi decidere cosa fare di tue foto e contenuti, ma anche e soprattutto per te. Io personalmente non vorrei lasciare in mano ai proprietari di piattaforme social quello che di fatto è la mia vita digitale: è mia, è parte essenziale di me e come tale la voglio tutelare.

Testamento digitale: come lasciare i tuoi account in eredità?

Ti parlerò di account personali e non di attività aziendali (per le quali comunque il mio consiglio è di confrontarti con un legale).
Partiamo quindi da un semplice consiglio: la prima cosa che dovresti fare è creare un testamento digitale reale, un file con tutte le password a ogni singola applicazione, account email, account social, sito al quale ti sei iscritto personalmente (con particolare attenzione ad esempio a siti di home banking) e condividerlo con una persona fidata. Questo di fatto non è un vero e proprio testamento digitale, ma un semplice e banale escamotage che ti assicura di non mettere in difficoltà i tuoi familiari. Il tema però coinvolge argomenti spinosi e tutelati dalla legge come la privacy, l’uso di dati sensibili altrui: accedere ad un account che non è nostro, anche se ‘autorizzati’ è di fatto una forzatura che potrebbe innescare malumori tra familiari o amici. Per questo motivo alcune piattaforme social mettono a disposizione delle aree specifiche nelle quali tu puoi dare indicazioni e designare contatti fidati che, in caso di inattività del tuo account, potranno agire come ritengono opportuno perché tutelati dal regolamento della piattaforma.

Testamento digitale su Facebook: dai contatti fidati al contatto erede

Su Facebook da tempo si può indicare quali siano i tuoi contatti fidati: questa opzione che ti consiglio vivamente di attivare se ancora non l’hai fatto, serve in caso tu non possa più accedere al tuo account perché magari sei stato vittima di hacker e non puoi più accedervi. Facebook attraverso questi contatti potrà velocemente riattivare il tuo profilo e potrai riprendere possesso del tuo account.
Trovi questa voce cliccando il triangolino in alto a destra, poi la voce impostazioni, infine selezionando la voce protezione dal menù che comparirà alla tua sinistra.

contatti fidati testamento digitale
Questo però non basta, perché serve un vero e proprio contatto erede per il tuo testamento digitale, al quale Facebook concederà l’uso del tuo account in caso di inattività. Facebook, dopo averlo testato in USA, l’ha finalmente attivato anche in Italia. Trovi la voce contatto erede poco più sotto di quella precedente (contatti fidati). Una volta scelta la persona alla stessa arriverà una notifica.

contatto erede testamento digitale

Attenzione perché questa persona avrà comunque dei limiti: non entra di fatto in possesso totale del tuo account, ma di un account che Facebook definisce ‘commemorativo’. Potrà rispondere a richieste di amicizia che avevi già ricevuto, aggiornare l’immagine del profilo, scrivere un post per comunicare ai tuoi contatti; non potrà condividere nuovi post, accedere ai tuoi messaggi privati, eliminare i tuoi amici (la tua privacy sarà quindi salvaguardata). Può scaricare un archivio dei tuoi contenuti e eliminare il tuo account.


social education libro Rosa Giuffrè

Vuoi un libro che ti spieghi con un linguaggio semplice e alla portata di tutti come tutelare la tua identità digitale o come creare relazioni sicure online? Vuoi imparare a vivere il web e i social network senza rischi?
Il mio libro, Social Education, è quello che cercavi: clicca QUI e scopri di più

 


Testamento digitale su Google Plus: il fiduciario dell’account

Anche Google ha attivato un’apposita sezione e anch’esso prevede di scegliere due opzioni a priori: l’eliminazione dell’account dopo l’inattività di ‘tot’ mesi (il numero lo scegli tu), oppure permettere a un fiduciario dell’account (massimo 10 persone) di accedere al tuo account. Per abilitare queste opzioni, clicca sulla foto profilo utente in alto a destra, una volta aperto il menù seleziona privacy. Aperta la nuova schermata, seleziona nel menù a destra la voce account personale. Nella colonna Informazioni personali e privacy, seleziona la voce controlla i tuoi contenuti. Entrerai in una nuova sezione. A questo scorri la pagina, cerca Assegna un fiduciario dell’account e clicca modifica impostazioni.

fiduciario account testamento digitale

Nella pagina potrai facilmente impostare nomi e dati (ti chiederà anche numeri di telefono e email). Prima di cancellare per inattività l’account comunque invierà un SMS. Al fiduciario dell’account sarà consentito l’accesso a Email, post, contenuti si Blog, video di Youtube.

Testamento digitale, un’ottima pratica di social education

L’educazione autilizzo dei social network e più in generale alle buone pratiche di utilizzo del web non passano quindi solo dalla nostra attiva quotidianità, ma deve necessariamente coinvolgere ogni aspetto del nostro modo di abitare la rete.
Tutelare i nostri dati, avere rispetto per chi ci è vicino e grazie al testamento digitale non impazzirà nel cercare di avere accessi ad account rimanendo imbrigliato in inutili ragnatele burocratiche, sarà davvero segno di grande sensibilità.

Io ho già fatto tutto…  🙂


Cerchi un affiancamento professionale per la tua comunicazione digitale? Contattami!

Mi dai l’autorizzazione all’utilizzo dei tuoi dati? QUI puoi leggere l’informativa


Cover ph: thanks Shutterstock #collaborazione

Shares