"Il futuro è semplice, è la gente che è troppo complicata..."
Impara la Social Education con i miei consigli (scarica le schede)

La Social Education è l’educazione necessaria (ad adulti e regazzi) per abitare in modo sicuro, felice e senza rischi, l’ambiente dei social network. In questa pagina trovi i miei consigli con schede (scaricabili) e approfondimenti che ogni settimana pubblico qui sul mio blog o sulla mia pagina di Facebook.
Impara la Social Education e prendi tutto il bello che l’ambiente online ti può regalare: tutto il resto, impariamo a evitarlo insieme.

Pericoli della Rete: nasce il portale genitori su Facebook

Nasce il portale genitori su Facebook dedicato a tutti gli adulti che vogliono approfondire e contrastare i rischi provocati da un uso non corretto della Rete e dei social network

Come scrivere una Social Media Policy efficace

La #socialEducation impone di seguire regole di bon ton digitale che aiutano tutti gli utenti a vivere meglio l’ambiente dei social network: la Social Media Policy diventa così il documento principe essenziale senza il quale è impossibile pensare di gestire serenamente un gruppo o una community.

Testamento digitale: come tutelare la tua eredità

Il testamento digitale riassume le tue personali indicazioni date a persone fidate che potranno gestire i tuoi account dal momento in cui gli stessi saranno inattivi per un tempo definito: sì quindi anche nel caso un giorno non dovessi esserci più.

Come ti smaschero il fuffaro digitale (storia vera)

Scrivo questo post mentre sto vivendo concretamente un’esperienza con un fuffaro digitale a livello master, sperando che possa essere utile, in futuro, magari anche a te che stai leggendo.

Non è obbligatorio fare Facebook live mentre vai a fare la spesa

Facebook live è tra le mode del momento: vedo dinamiche di comunicazione corrette, ma anche usi e costumi a mio avviso davvero fastidiosi e sbagliati.

Le #SocialPeperonate mi hanno rotto

#Socialpeperonate è il termine che di istinto mi è venuto dopo aver letto sui social, l’ennesima e futile polemica sul nulla