"Il futuro è semplice, è la gente che è troppo complicata..."
L’anonimato, fuori e dentro i social, non è mai né onesto né sincero

Il fenomeno Sarahah: insulti anonimi mascherati da ‘onesti feedback’ e la recente scoperta che chi ha installato questa App, ha regalato dati dei propri contatti (email e telefono) a questa azienda. Tutto questo mi ha portato a qualche riflessione perché l’anonimato, fuori o dentro i social, per me non può essere mai né onesto, né sincero.

‘Bella’ la nuova legge contro il cyberbullismo… basterà?

Il 18 giugno è entrata in vigore la Legge contro il cyberbullismo n°71, approvata il 29 maggio 2017: ‘Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo’. Basterà una legge che appare fin troppo teorica e poco concreta? E sul fronte degli adulti e dell’ignoranza digitale come ci comportiamo?

Impara la Social Education con i miei consigli (scarica le schede)

La Social Education è l’educazione necessaria (ad adulti e regazzi) per abitare in modo sicuro, felice e senza rischi, l’ambiente dei social network. In questa pagina trovi i miei consigli con schede (scaricabili) e approfondimenti che ogni settimana pubblico qui sul mio blog o sulla mia pagina di Facebook.
Impara la Social Education e prendi tutto il bello che l’ambiente online ti può regalare: tutto il resto, impariamo a evitarlo insieme.

Pericoli della Rete: nasce il portale genitori su Facebook

Nasce il portale genitori su Facebook dedicato a tutti gli adulti che vogliono approfondire e contrastare i rischi provocati da un uso non corretto della Rete e dei social network

Ci sono parole che uccidono e parole che salvano (anche sui social)

Occorre fare attenzione all’uso delle parole, ponderarle, rispettarle come la cosa più preziosa che possediamo. Rappresentano il significato stesso dell’essere umano. Noi siamo parola. Ci manifestiamo con la parola, generiamo parole; la parola è l’unico dono che possiamo elargire…. E nel momento in cui la si pronuncia ed esce dalla bocca, la parola sta ad indicare che è avvenuto qualche cosa da cui non è più possibile tornare indietro… la parola fa…
Ci sono parole che uccidono 
e parole che salvano
Quando la parola si fa preghiera , persino il Padre Eterno viene a conversare…”
(Vittorino Andreoli – Il corpo segreto)