"Il futuro è semplice, è la gente che è troppo complicata..."
‘Io, dei social, non ci capisco niente’

Il primo passo di questa nuova consapevolezza parte proprio da qui: da una social education che prima di essere regolamentata da terzi o da una piattaforma è personale perché se la norma è un diritto, la buona social-educazione è, a mio avviso, un dovere.

Testamento digitale: come tutelare la tua eredità

Il testamento digitale riassume le tue personali indicazioni date a persone fidate che potranno gestire i tuoi account dal momento in cui gli stessi saranno inattivi per un tempo definito: sì quindi anche nel caso un giorno non dovessi esserci più.

Facebook, mamme, foto di minori e catene di Sant’Antonio

L’entusiasmo de ‘la sfida delle mamme’ che impazza su Facebook (in cui mamme si nominano a vicenda e pubblicano foto di loro figli), viene smorzato da un post della Polizia di Stato che avvisa dei pericoli di chi condivide con superficialità foto di minori. Nascono così molte polemiche e riflessioni su cui è corretto soffermarsi.

Ci sono parole che uccidono e parole che salvano (anche sui social)

Occorre fare attenzione all’uso delle parole, ponderarle, rispettarle come la cosa più preziosa che possediamo. Rappresentano il significato stesso dell’essere umano. Noi siamo parola. Ci manifestiamo con la parola, generiamo parole; la parola è l’unico dono che possiamo elargire…. E nel momento in cui la si pronuncia ed esce dalla bocca, la parola sta ad indicare che è avvenuto qualche cosa da cui non è più possibile tornare indietro… la parola fa…
Ci sono parole che uccidono 
e parole che salvano
Quando la parola si fa preghiera , persino il Padre Eterno viene a conversare…”
(Vittorino Andreoli – Il corpo segreto)

La buona educazione nei social-contatti (1)

Educazione dei social-contatti? Ma come si fa? Cioè, come iniziare col piede giusto il rapporto con una persona, che sia a scopo di amicizia o professionale? Come comportarsi quando si vuole contattare un utente? Oggi sul blog di Artera ti parlo di educazione nei social-contatti e se ti va, in attesa del secondo post, dimmi che ne pensi.